Home-Page

 

Video-Guide

 

Dizionario dei termini

 

Problemi della posta elettronica

 

Scelti da voi

 

Come usare bene il pc

donazioni

 

diritti riservati per tutti i contenuti presenti ARTICOLI: SOCIETA'

IL Telelavoro: Risorsa ignorata, O QUASI

11/05/2017: Via libera del Parlamento alla legge sul LAVORO AUTONOMO
Legge sul lavoro autonomo: via libera del parlamento sullo SMART WORKING
La nuova legge sul lavoro autonomo stabilisce che:
1 Lo SMART WORKING debba rivolgersi a figure qualificate;
2 E' basato su tecnologie e piattaforme mobili (smartphone, tablet, notebook, etc.);
3 Prevede una parte del lavoro in Azienda ed una seconda parte fuori dalla Azienda;
4 Pu˛ essere a tempo determinato o indeterminato

Nonostante risalga a ben 15 anni fa (nel luglio 2002, i Sindacati, Confindustria, Confcommercio, Confapi, Confartigianato e molte altre sigle imprenditoriali; hanno siglato a Bruxelles un accordo-quadro sul TELE-LAVORO), in Italia, solo ora si sta muovendo qualcosa.
Sono anni che si parla di flessibilitÓ, profitto, mobilitÓ, trasporti ed infrastrutture, ma senza riferimenti precisi e circostanziati a questa forma di lavoro innovativa e rivoluzionaria che potrebbe tirarci fuori da molte situazioni destinate a complicarsi ed aggravarsi nei prossimi decenni. Tutti noi, siamo infatti, ben consapevoli della congestione in cui versano molte delle nostre metropoli come Milano, Roma e Palermo (ad esempio); che, nelle ore coincidenti con inizio e fine turno al lavoro, risultino praticamente al collasso; costringendo gli automobilisti che si recano al lavoro, a vere e proprie odissee di percorso, costellate da: semafori, ingorghi, incidenti, deviazioni, blocchi, ordinanze e, non ultimo, anche parcheggiare il proprio mezzo di trasporto, quando giunti sul proprio luogo di lavoro (credo sia superfluo citare anche le condizioni dei mezzi pubblici ubicati in questi orari). Eppure in dodici anni dalla sigla dell'accordo che avrebbe dovuto ridare flessibilitÓ, sviluppo e produttivitÓ alla nostra economia ed ai nostri trasporti pubblici (privi di risorse e capitali); siamo (come spesso accade) al fanalino di coda in Europa.
Ma vediamo quali tipologie di IMPRESA si potrebbero mettere in pratica con questo strumento:

- TELELAVORO DI IMPRESA: Tipologia di telelavoro equiparabile ad una vera e propria impresa di fornitura di opere e/o servizi
- TELELAVORO AUTONOMO: Lavoro prettamente personale sia per i dispositivi utilizzati che il tipo di lavoro/servizi prestati
- TELELAVORO IN COLLABORAZIONE: Tipologia di telelavoro parasubordinato molto simile al lavoro autonomo
- TELELAVORO DIPENDENTE: prevede un controllo attivo e determinato da parte del committente (imprenditore)
- TELELAVORO DIPENDENTE DECENTRATO: Telelavoratore a domicilio

FIGURE PROFESSIONALI IMPIEGABILI in questo settore:
- SECURITY MANAGER (esperto sulla sicurezza informatica)
- WEB SURFER (navigatore con esperienza a cui vengono commissionate ricerche di mercato e/o su servizi o prodotti)
- WEB DEVELOPER (esperto programmatore sui linguaggi di programmazione)
- TRADER ONLINE (operatore finanziario)
- WEB DESIGNER (Redattore grafico di siti web)
- DATA-BASE MANAGER (gestione dati)
- INTERNET ADMINISTRATOR (gestione rete aziendale)
- FREENET DIRECTOR (gestione di rete locale)
- INTERNET TRAINER (formazione dei dipendenti sulle materie/nozioni della tipologia di lavoro da svolgere)
- WEB MASTER (Coordinatore personale coinvolto nella realizzazione di un sito web)
- PRODUCT MANAGER (Coordinatore per l'inserimento nel web di Aziende e scelta dei supporti informatici necessari)
- CONTENT PACKAGER (gestione e sviluppo di siti web)
- OPERATORE CALL CENTER (assistenza e consulenza telefonica)
- DATA-ENTRY (Il data-entry raccoglie e cataloga dati)
- CORRETTORE DI BOZZE (correzione di testi ed articoli destinati alla pubblicazione)
- TRADUTTORE (traduttore di testi)
- WEB WRITER (responsabile dei contenuti di siti web)
- TELESEGRETARIO (attivitÓ di segretariato online)
- BATTITORE DI TESTI (scrittore di testi e/o tesi di laurea)

Ma quali sono i benefici che se ne potrebbero trarre? I benefici che se ne trarrebbero da un utilizzo a larga scala, sarebbero immensi e rivoluzionari sia per la nostra economia che per il nostro tenore di vita. Basti pensare solo ai principali benefici come:

RIDUZIONE INQUINAMENTO
Immaginate se solo il 10 per cento della nostra popolazione, lavorerebbe da casa, senza doversi spostare dal proprio domicilio al luogo di lavoro abituale: quanto inquinamento in meno sarebbe prodotto? tra mezzi pubblici e privati?
CONSUMO
Quanta energia in meno occorrerebbe per alimentare le cittÓ?. Meno carburante, meno elettricitÓ, meno servizi, meno infrastrutture
RISPARMI
Grande risparmio su gestione (manutenzione e tasse) ed affitto di sedi operative ed uffici
LOGISTICA E STRATEGIE DI SVILUPPO
Notevole incremento delle mansioni e delle diversitÓ operative a vantaggio di diversificazione e ramificazione del mercato (anche multinazionale)

APPROFONDIMENTI
- Obblighi del tele-lavoratore:
CIRCOLARE N52 DEL 27-02-2015
- Il telelavoro e i congedi parentali: RIFORMA PA
- 18/09/2017 Le dieci cose che occorrono all'Italia per entrare nell'economia digitale secondo WWWORKERS CAMP

Articolo pubblicato il 25 OTTOBRE 2014
Aggiornato il 25 SETTEMBRE 2017

Luigi Russo

widget articoli


Commenti:

---
INVIA IL TUO COMMENTO SULL'ARTICOLO

Nome
Email
Commento-

VALIDAZIONE FORM: INDICA LA META' DI 2500    

 

Tutti i diritti riservati.  E vietata qualsiasi tipologia di duplicazione, trascrizione  copia, distribuzione o cessione dei contenuti a terzi a qualsiasi titolo.